Piano dei controlli

Dal raccolto all’imbottigliamento: ad ogni fase la sua verifica.

L’Organismo di controllo opera nel rispetto delle regole imposte dalla nuova normativa sui controlli dei vini a Denominazione di Origine ed Indicazione Geografica, così come previsto dal Decreto ministeriale 14 giugno 2012, che riguarda tutti gli operatori e tutte le fasi produttive, dalla raccolta dell’uva fino all’imbottigliamento.

Il Piano è suddiviso in diverse schede, a seconda del soggetto interessato dalla verifica, e prevede diverse tipologie di attività strettamente collegate e conseguenti tra loro:

  • Attività di verifica della conformità della DOC e della IGT;
  • Attività di certificazione delle produzioni a DOC;
  • Attività di verifica della conformità delle produzioni ad IGT.

Piani di controllo e prospetti tariffari delle DOP tutelate dal consorzio:

  • PdC e prospetto tariffario Montepulciano d'Abruzzo Doc
  • PdC e prospetto tariffario Trebbiano d’Abruzzo Doc
  • PdC e prospetto tariffario Cerasuolo d’Abruzzo Doc
  • PdC e prospetto tariffario Abruzzo Doc
  • PdC e prospetto tariffario Villamagna Doc

Piani di controllo e prospetti tariffari delle altre DOP e IGP regionali:

  • PdC e prospetto tariffario Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane Docg
  • PdC e prospetto tariffario Controguerra Doc
  • PdC e prospetto tariffario Terre Tollesi o Tullum Doc
  • PdC e prospetto tariffario Ortona Doc
  • PdC e prospetto tariffario Colli Aprutini Igt
  • PdC e prospetto tariffario Colline Pescaresi Igt
  • PdC e prospetto tariffario Colline Teatine Igt
  • PdC e prospetto tariffario Colline Frentane Igt
  • PdC e prospetto tariffario Colli del Sangro Igt
  • PdC e prospetto tariffario Del Vastese o Histonium Igt
  • PdC e prospetto tariffario Terre di Chieti Igt
  • PdC e prospetto tariffario Terre Aquilane o Terre deL’Aquila Igt