Immissione al consumo, novità per i DOC abruzzesi

L’immissione al consumo delle tipologie “superiore” dei vini doc “Abruzzo” e “Cerasuolo d’Abruzzo” e dei vini DOC “Terre Tollesi” o “Tullum” avverrà con tempistiche differenti rispetto a quanto previsto finora nei relativi disciplinari di produzione.

È quanto ha stabilito con tre decreti, il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali accogliendo le richieste del Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo e del Consorzio di Tutela Terre Tollesi o Tullum DOP.

Di fatto, cosa cambia.
Per quanto riguarda le tipologie “superiore” dei vini di origine controllata “Abruzzo” e “Cerasuolo d’Abruzzo”, i nuovi provvedimenti consentiranno di posticipare di due mesi il periodo di immissione al consumo, che dunque sarà consentita a partire dal 1° marzo dell’anno successivo a quello di produzione delle uve.
Per i vini DOC “Terre Tollesi” o “Tullum”, invece, il periodo di immissione al consumo viene anticipato di un mese ovvero a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di produzione delle uve.